Vitamine per cani: i consigli giusti

Se pensi sia difficile scegliere alimenti per cani che abbiano le vitamine necessarie a soddisfare il fabbisogno nutrizionale del tuo animale, puoi scegliere di adottare una dieta fatta su misura che si addica alle sue caratteristiche fisiche e al suo consumo energetico: scegliere una dieta casalinga per cani preparando in casa i propri pasti è la soluzione per inserire gli elementi di cui ha bisogno e che spesso non sono presenti negli alimenti per cani commerciali.

Le vitamine a parità di proteine e carboidrati, hanno un ruolo fondamentale nell’alimentazione del cane. Contribuiscono ad avere un pelo e una pelle sana, una vista efficiente, un regolare metabolismo e incrementano le difese immunitarie.Carenze o concentrazioni troppo alte di vitamine possono recare disfunzioni all’organismo; accertarsi che il nostro animale stia ricevendo la giusta dose di vitamine ed eventualmente diminuire la quantità o colmare le mancanze può prevenire l’insorgere di gravi malattie.

Conoscere la funzione delle vitamine più importanti per integrarle o diminuirne le dosi dove necessario, è una delle tante regole da seguire quando ci si avvicina a una dieta casalinga per cani. Allo stesso modo bisogna saper riconoscere quei segnali che attraverso cambiamenti nel pelo, nelle mucose o nei comportamenti del nostro animale manifestano i sintomi di una disfunzione dell’organismo.

Se il tuo amico a quattro zampe appare stanco, disinteressato al gioco e all’attività fisica potrebbe avere carenza di vitamina B12. Un deficit di questa vitamina può portare a malattie renali e/o insufficienze pancreatiche. La B12 è presente nei cibi di origine animale (soprattutto fegato e reni), assicurati che negli alimenti per cani che prepari ci siano le giusti dosi.

La vitamina A, detta anche vitamina della crescita, ha un ruolo molto importante per lo sviluppo dell’organismo, la produzione del sebo, la vista e aiuta a rigenerare le mucose. La sua mancanza predispone alle malattie in genere e provoca disturbi visivi. E’ molto importante quindi più per i giovani soggetti che per gli adulti. Una dose eccessiva può provocare danni al fegato e alle ossa. Nell’alimentazione del cane in crescita, non dovranno mancare olio di salmone selvatico grizzly e tuorli d’uovo.

La vitamina B1 aumenta la capacità del corpo di assimilare calcio, a proteggere il tratto gastrointestinale del cane e contribuisce al corretto funzionamento del muscolo cardiaco e delle cellule nervose. E’ presente nella crusca, nei piselli e nelle frattaglie.

La vitamina D regola il calcio e il fosforo e una sua carenza può essere causa di rachitismo nei cuccioli e osteoporosi nei soggetti adulti; un suo eccesso può avere effetti letali. E’ anche chiamata vitamina del sole, in quanto viene attivata dai raggi ultravioletti. E’ presente nelle verdure verdi in generale.

La vitamina E impedisce l’ossidazione delle membrane cellulari, una quantità troppo bassa può recare danni ai muscoli e al tessuto nervoso. La sua funzione si esplica nella riproduzione del maschio e della femmina e la sua mancanza determina la sterilità e la distrofia muscolare. E’ una delle meno tossiche, quindi può essere integrata anche per periodi prolungati, è presente nell’olio di germi di grano e nei vegetali verdi.

La vitamina K collabora ai meccanismi della coagulazione sanguigna, la quantità minima necessaria è presente negli alimenti per cani che contengono verdure a foglia verde, fegato e pesce.

La vitamina C favorisce l’assorbimento del ferro e la sua carenza produce emorragie gengivali; oltre che negli agrumi in generale si trova anche nel latte crudo non pastorizzato.

Richiedi al tuo veterinario di effettuare analisi del sangue complete quando hai dubbi sulle sue condizioni di salute e ricorda che l’alimentazione del cane deve essere scelta in funzione della razza, del peso e dell’attività fisica svolta quotidianamente.